[TSR 126] OLTRE

by LA GRAZIA OBLIQUA

/
  • Record/Vinyl + Digital Album

    limited edition to 50 copies includes 12", CD, poster and stickers
    poster based on a unreleased painting by ennio calabria
    [ enniocalabria.it ]

    Includes digital pre-order of [TSR 126] OLTRE. You get 1 track now (streaming via the free Bandcamp app and also available as a high-quality download in MP3, FLAC and more), plus the complete album the moment it’s released.
    digital album releases August 2, 2021
    item ships out within 5 days

      €20 EUR

     

  • Record/Vinyl + Digital Album

    edition of 250

    Includes digital pre-order of [TSR 126] OLTRE. You get 1 track now (streaming via the free Bandcamp app and also available as a high-quality download in MP3, FLAC and more), plus the complete album the moment it’s released.
    digital album releases August 2, 2021
    item ships out within 5 days

      €15 EUR

     

1.
OLTRE 06:18
2.
RESTA
3.
PIOVONO PIETRE
4.
WAITING FOR THE DAWN

about

LA GRAZIA OBLIQUA
Alessandro Bellotta: vox & acoustic guitar
Alessandra Trinity Bersiani: keys, flute, vox, programming
Gianluca Pinelli: electric guitar
Massimo Bandiera: bass
Valerio Michetti: drums
+ + +
Music & lyrics by La Grazia Obliqua
except track IV by Le Orme [“Aspettando L’Alba” - T. Pagliuca, A. Tagliapietra]
English translation: Trinity
Thanks to Cristiano Santini: rhythmic guitar on track I / acoustic guitar on track II & III
+ + +
Mixing and mastering: Cristiano Santini at Morphing Studio, Bologna
Recorded at Ghostrack Studio & Sanctuary Studio, Rome
Pre-production: Max Parolisi at Mother’s Eye Studio, Carpi
Cover artwork: Alessandra Meneghello [ www.disagire.com ]


Dal Ghostrack Studio di Roma, La Grazia Obliqua, avvalendosi del mixing e sound engineering del Morphing Studio di Bologna nella persona di Cristiano Santini - carismatico cantante dei Disciplinatha e Dish-Is-Nein - dà alla luce il suo nuovo lavoro: un EP che segue quel flusso iniziato con l’album ‘Canzoni per tramonti e albe - al crepuscolo dell’Occidente’.
Le radici de La Grazia Obliqua affondano in un terreno in cui c’è tutto un ecosistema di stili, generi e tecniche diverse: è questo il manifesto di chi non è “allineato” e al massimo può lambire il mainstream ma non condividerlo.
‘Oltre’ riconferma la cifra stilistica de La Grazia Obliqua - che attraversa una sfera di sonorità multiple che uniscono passato e futuro - e, ove possibile, ne accentua la forza descrittiva e immaginifica; nelle parole di Alessandro Bellotta, frontman del gruppo:
“‘Oltre’ è il nostro secondo passo nel percorso alchemico musicale” e attraverso quella “porta socchiusa appena” - come narra il brano -, lo spiraglio per uscire dalla “nigredo”.
E infatti il primo brano ‘Oltre’ spinge a riflettere per andare al di là di tutta una serie di sovrastrutture al fine di riprendere un dialogo con il sé, in una giostra di percezioni e proiezioni del nostro io, al di sopra di quella ragione divelta e asservita all’ego, in quel “mare che cela i miei segreti”… In questo dialogo intimo, l’anima è tenacemente invitata a restare, ad “esserci”, in una sintonia ancora possibile.
Il tutto è più facilmente comprensibile se posto in relazione al testo del brano che segue, ‘Resta’, armonicamente modulato dalla voce in chiaroscuro di Alessandra Trinity Bersiani:
“Resta nel dolce rumore
di note ormai spente
resta ancora una notte
forse l’ultima”.
E dopo questo gioco di ossimori si comprende come i brani, in fondo, siano incisi di un discorso più ampio, dove l’attenzione si muove come uno sguardo che svela l’orizzonte quando il focus varia, portando alla vista quello che prima solo si guardava e non si poteva vedere.
Anche musicalmente, questo EP cerca nuove urgenze e stili che dal più classico darkwave approdano ad una dimensione di canzone viscerale, suonata, classica ma contaminata di impulsi contemporanei, affine a quella della scuola di Firenze dell’area Contempo.
Piovono pietre, terzo brano dell’EP., è una combat song colma di speranza struggente con cui La Grazia Obliqua invoca la vita e la fede nella bellezza come unica risposta alla volgare desertificazione dell’anima da parte di questi tempi duri e insidiosi. “La senti come scorre dolcissima, violenta, disperata, questa vita!”.
In questi primi tre brani dell’opera è notevole l’apporto di Cristiano Santini anche in veste di musicista, che ha preso parte ai brani suonando sia chitarra elettrica che acustica.
Chiude l’EP ‘Waiting for the dawn’, una cover ispirata al brano de Le Orme ‘Aspettando l’alba’ (tratto dal loro album ‘Uomo di pezza’), gruppo prog che ha segnato un’epoca. La musica e i testi de Le Orme, seppure a un primo ascolto curati dal punto di vista melodico e piuttosto diretti, nascondono, a una seconda lettura più approfondita e ad un ascolto più attento, parecchi lati oscuri e “dark”, più di quanto ci si possa aspettare.
Lo spirito di ‘Oltre’, nella somma dei quattro brani che lo compongono, appare quindi evidente e destinato a quel pubblico che non ama riempire gli spazi vuoti con suoni più o meno accattivanti ma regala, invece, un pensiero che diviene memoria collettiva.

credits

license

tags

about

TOTEN SCHWAN RECORDS Italy

COLLETTIVO DI CONTROCULTURA

contact / help

Contact TOTEN SCHWAN RECORDS

Streaming and
Download help

Shipping and returns

Redeem code

Report this album or account

If you like [TSR 126] OLTRE, you may also like: